Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

1. IL CINEMA DELLA CRUDELTA`

Data:

02/04/2022


1. IL CINEMA DELLA CRUDELTA`

Pier Paolo Pasolini: un cinema di poesia. Retrospettiva integrale nel centenario della nascita. 
1. Il cinema della crudeltà. 
(2-9 aprile 2022)

Sulla linea di André Bazin, affronta spregiudicatamente la rappresentazione delle pulsioni istintive, carnali e viscerali, anche in chiave onirica. La definizione, suggestiva e funzionale, l’inventò Truffaut raccogliendo gli scritti che il padre/maestro André Bazin aveva dedicato a film e autori che s’erano confrontati con visioni crudeli del mondo o della vita interiore: sopra tutti Stroheim, Buñuel, Dreyer, ma anche Ferreri, Oshima e Petri. Per noi è anche l’occasione di riproporre alcuni titoli la cui ‘crudeltà’ pare debitrice (o anticipatrice) degli abissi di Salò.

- Un chien andalou (1929, Luis Buñuel)

- L’age d’or (1930, Luis Buñuel)

- Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975, Pier Paolo Pasolini)

- Backstage sul set di Salò (1975, Gideon Bachmann)

- Dies Irae (1943, Carl Theodor Dreyer)

- Los Olvidadaos (1950, Luis Buñuel)

- La grande bouffe (1973, Marco Ferreri)

- Porcile (1969, Pier Paolo Pasolini)

- Il laboratorio dell’ inferno di Salò (2013, Roberto Chiesi)

- L’intervista sotto l’albero (1975, Gideon Bachmann)

- L’impero dei sensi (1976, Nagisa Ôshima)

- La passione di Giovanna d’ Arco (1928, Carl Theodor Dreyer)

- Todo modo (1976, Elio Petri)

Informazioni

Data: Da Sab 2 Apr 2022 a Sab 9 Apr 2022

Organizzato da : IIC Melbourne

Ingresso : A pagamento


Luogo:

The Astor Theatre - 1 Chapel St, St Kilda VIC 3182

1178