Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

INCROCI - Dario Calderone

Data:

20/05/2022


INCROCI - Dario Calderone

Dario Calderone, 
contrabbasso.

 

> Stefano Scodanibbio, Voyage that never ends (1978-2011) eseguito da Dario Calderone, sul canale Vimeo dell'IIC Melbourne: cliccare qui

 

Programma

Stefano Scodanibbio,

Voyage that never ends (1978-2011)

Voyage that never ends di Stefano Scodanibbio è probabilmente la composizione di maggior rilievo per contrabbasso solo. La durata notevole della composizione (45 min) la associa a quell’universo sonoro in cui c’è un “perdersi”, un farsi attraversare dal materiale musicale in maniera diretta, mettendola pertanto in relazione con la musica popolare di tutto il mondo. L’importanza di questo brano di musica nel panorama contemporaneo consiste proprio in questo: la capacità di parlare a qualsiasi ascoltatore in maniera diretta e “astorica”, pur mantenendosi radicalmente impiantata nella nostra contemporaneità. Il brano è innovativo anche da un punto di vista tecnico, sia per le nuove possibilità strumentali inventate da Scodanibbio, sia per l’esplorazione scientifica di alcuni fenomeni acustici generati dalle risonanze del contrabbasso, analoga alle sperimentazioni generate negli stessi anni di Arnold Dryblatt.

Voyage that never ends è stato composto tra il 1978 e l’anno della scomparsa dell’autore (2011), sviluppandosi negli anni intorno a un materiale concettuale di partenza. Nonostante il brano abbia avuto centinaia di esecuzioni dell’autore stesso, esso non è stato trascritto in una notazione precisa: l’identificazione dell’autore con il suo lavoro ha in un certo senso reso impossibile una codificazione fissa ed esatta del pezzo, seguendo la regola che dice che ogni formalizzazione di un idea vivente e pulsante, ne porta inevitabilmente alla morte.

Ho avuto il privilegio di essere l’unico ad imparare il pezzo direttamente dal M° Scodanibbio durante gli anni precedenti la sua prematura scomparsa. Il processo di apprendimento è avvenuto in maniera diretta, partendo da uno studio estremamente puntiglioso delle tecniche impiegate nel brano.

Purtroppo la sua morte ha lasciato questo processo di tra-dizione incompiuto, tralasciando l’ultima sezione del brano. Il lavoro di ricerca e di “ricostruzione” delle parti di Voyage che non ho potuto studiare con Stefano, consiste anzitutto nel confronto di diverse registrazioni e video del brano eseguite dall’autore stesso, alla ricerca di una partitura “rizomatica”. Cosa c’è in comune tra queste versioni, e cosa si può definire “testo”, quale l’intentio operis e quale l’intentio autoris, sono state il mio campo di ricerca e investigazione. Essendo, in questo caso specifico, i due tipi di intentio strettamente correlati, ho cercato di approfondire lo studio di tutti i riferimenti culturali che facevano parte dell’universo personale di Scodanibbio. Per fare solo un esempio, non si possono ignorare gli studi compiuti dall’autore sulla metrica indiana, se si vogliono ricostruire in maniera “flessibile” alcuni passaggi.

Voyage è un capolavoro della nostra contemporaneità, per e oltre il contrabbasso. Voyage è anzitutto un dispositivo. “Un dispositivo è come una matassa, un insieme multilineare composto da linee di natura diversa. Queste linee seguono direzioni, tracciano processi in perenne disequilibrio…Ogni linea è spezzata, soggetta a variazioni di direzione, biforcante e biforcuta, soggetta a derivazioni. “ *

Alcune di queste forze possono essere descritte come processi di accumulazione o distensione, e seguono strutture ben precise e definite. Le relazioni tra queste forze che a volte si intersecano, stabilisce la mappa del labirinto della mente che lo ha creato. La deliberata scelta da parte di Stefano di non pubblicare una partitura scritta, fa sì che un interprete successivo a lui si debba inevitabilmente tuffare nel mare di questa matassa con gli occhi di un esploratore, intraprendendo così una inesorabile continuazione di un viaggio. Tra-dire un’opera aperta come Voyage that never ends vuole dire entrare nei sistemi mnemonici e le strutture cognitive di Scodanibbio, esplorarne il labirinto, e alla fine scoprire il pensiero che ne sta dietro in maniera profonda.

Studiando Voyage, mi imbattevo in un sistema di apprendimento completamente non lineare, così come lo è stato per l’apprendimento della prima parte, avvenuta con Stefano e attraverso Stefano . Dico attraverso perchè in Voyage a un certo punto questa ricerca, questo viaggio, diventa impersonale, non più dell’autore, ma della conoscenza collettiva. Un po’ come le biblioteche di Borges, o il suo famoso Giardino dei sentieri che si biforcano, Voyage è un insieme di possibili risultati di un evento, ognuno dei quali a sua volta si ramifica in possibili futuri. Mi piace immaginare che diventi un giorno un rito, una prassi ricorrente: suonarlo, ascoltarlo… perdersi… interrompersi… continuare…

 

Dario Calderone, nato a Roma nel 1978, ha studiato contrabbasso con Massimo Giorgi, Franco Petracchi ed è stato uno dei pochi allievi di Stefano Scodanibbio. Si dedica alla musica contemporanea da quasi 20 anni, e ha eseguito centinaia di composizioni per contrabbasso solo, musica da camera o in ensemble nei maggiori festival del mondo, tra cui La biennale di Venezia, Milano Musica, Wien Modern, ECLAT Festival, Huddersfield Contemporary music Festival, Festival d'Automne di Parigi, ENSEMS di Valencia, Ultraschall , Berlin Philarmonie, The Library of Congress Concert Series, Rainy Days Louxembourg, Holland Festival, Shanghai Expo, Moscow New Music Festival e molti altri. I suoi progetti più recenti per contrabbasso solo comprendono UR, due riti per contrabbasso, una composizione di Giorgio Netti di un'ora che porta il contrabbasso verso nuove frontiere strumentali, oltre a un restauro del famoso brano di Stefano Scodanibbio “Voyage that never ends”, e a diverse composizioni a lui dedicate da compositori come Peter Ablinger, Peter Adriaansz, Claudio Baroni, Bernhard Lang, Yannis Kyriakides, Alberto Posadas, Helena Tulve.

E' attualmente membro del gruppo Nieuw Amsterdams Peil di Amsterdam, del Trio Feedback in Spagna, e di MAZE in Olanda. Dal 2009 al 2019 è stato il contrabbassita del Nieuw Ensemble di Amsterdam. Collabora regolamente con il Klangforum Wien, l'Ensemble Asko-Schönberg e l'Ensemble Constantinople di Montreal.

Negli ultimi anni si dedica anche alla composizione di opere principalmente per contrabbasso solo, lavorando in modo particolare su sistemi di microamplificazione dello strumento, e su un prototipo di contrabbasso con corde di risonanza. Per queste ricerche ha ricevuto il supporto della città di Amsterdam e dell'FPK olandese.

Svolge attività come docente, essendo stato regolarmente invitato a tenere masterclass presso l'accademia Impuls di Graz, il conservatorio di Amsterdam, e l'Accademia del Festival di Lucerna.

Ha registrato numerosi CD per diverse etichette discografiche come Kairos, Hat-Hut Records, Wergo, Stradivarius, Unsounds, Moving Furnitures, Attacca Records. Le sue incisioni per contrabbasso solo hanno ricevuto numerosi elogi da parte della critica: specialmente il disco Bass Works, dedicato alle musiche di James Tenney per Hat(art)Hut records, Bass and Flute per Kairos con musiche di Bernhard Lang, insieme al flautista Manuel Zurria, e Il nuovo contrabbasso italiano per Stradivarius/Naxos con musiche di Luciano Berio, Giacinto Scelsi, Franco Donatoni, Salvatore Sciarrino e Stefano Scodanibbio.

Informazioni

Data: Da Ven 20 Mag 2022 a Sab 31 Dic 2022

Organizzato da : IIC Melbourne

Ingresso : Libero


Luogo:

Canale Vimeo IIC Melbourne

1194