Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Giornata del Contemporaneo – Italian Contemporary Art, edizione 2024

Immagine-15×10-cm-1536×1024

E’ stata annunciata la Giornata del Contemporaneo 2024, un’incantevole celebrazione dell’arte contemporanea italiana, organizzata da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani: iniziativa che promuove la bellezza e l’accessibilità dell’arte contemporanea in collaborazione con la Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura e la Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale.

La Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale parteciperà attivamente all’evento aprendo straordinariamente la Collezione Farnesina il 12 ottobre, offrendo al pubblico l’opportunità eccezionale di ammirare queste opere d’arte in un contesto unico.

Quando:
In Italia: Sabato 12 ottobre 2024
All’estero: Da domenica 6 ottobre a sabato 12 ottobre 2024

Tema: Quest’anno, l’arte contemporanea si concentra sull’accessibilità, aprendo le porte alla cultura e all’inclusione attraverso l’arte.

Cosa ti riserva la Giornata del Contemporaneo:

  • Apertura straordinaria: Musei, fondazioni, istituzioni pubbliche e private, gallerie, studi e spazi d’artista saranno aperti gratuitamente in un’unica giornata.
  • Eventi estesi all’estero: Grazie alla rete diplomatico-consolare e agli Istituti di Cultura, l’iniziativa si estenderà oltre i confini nazionali con mostre, conferenze, interviste e webinar.
  • Partecipazione ibrida: La Giornata del Contemporaneo manterrà un formato ibrido, consentendo la partecipazione sia in presenza che da remoto.

Seguite gli aggiornamenti sul sito ufficiale collezionefarnesina.esteri.it per scoprire gli orari di apertura straordinaria della Collezione Farnesina.

  • Organizzato da: AMACI - Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani
  • In collaborazione con: Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura e la Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale